Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
News
| Condividi:

Le dichiarazioni del Comitato di settore.

Le dichiarazioni del Comitato di settore.

Soddisfazione per l’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri della direttiva del personale del Comparto Regioni-Autonomie locali e’ stata espressa dal. Presidente del Comitato di settore, Giancarlo Gabbianelli.

Nel dare atto allo stesso Comitato ‘’di aver lavorato in maniera collegiale in un momento di profonda revisione delle competenze e del ruolo delle Autonomie locali, tale da giungere alla redazione di una direttiva condivisa da tutti i soggetti istituzionali coinvolti e che da’ risposte in termini di individuazione unitaria delle soluzioni a tutti’’, Gabbianelli sottolinea che essa ‘’consente agli Enti del Comparto di modulare la propria azione amministrativa nel modo migliore per poter raggiungere le finalita’ politiche prefissate e che offre al personale nuove opportunita’ in termini di professionalita’’’.

Nel ribadire la soddisfazione per l’adozione della direttiva da parte del Consiglio dei Ministri, il Presidente del Comitato sottolinea anche ‘’la stringente opera portata avanti in questi sette mesi di attesa per giungere al varo della direttiva, pur tenendo presente la necessita’ che il Comparto abbia effettiva autonomia senza dover ricorrere all’approvazione Governativa prevista dal D.Lgs 165/2001’’.

Dal canto suo, il vice presidente del Comitato di settore, Alessandra Speranza (Assessore alla Provincia di Torino), rileva infatti come ‘’tutta questa vicenda, finalmente conclusa, dimostri comunque l’inefficienza di un sistema ancorato ad una concezione delle istituzioni locali ormai superata’’.  Speranza auspica quindi che ‘’alla luce delle modifiche introdotte dal nuovo Titolo V della Costituzione sia riconosciuto un ruolo diverso a Regioni, Comuni e Province in quanto non e’ piu’ immaginabile che la direttiva per il comparto Regioni e autonomie locali sia condizionata in via preventiva e successiva da indicazioni vincolanti da parte del Governo’’.

‘’L’equiordinamento costituzionale delle autonomie – spiega - deve infatti consentire una piena espressione della volonta’ delle stesse, in una materia fondamentale, quale quella delle politiche per il personale’. ‘’Resta aperto il problema del costo del rinnovo contrattuale – afferma ancora Speranza - sul quale auspichiamo un intervento del Governo a suo sostegno. Non e’ infatti da dimenticare il fatto che esso costituira’ comunque un aggravio per i bilanci degli Enti Locali‘’.

Gabbianelli e Speranza auspicano infine che adesso venga aperta al piu’ presto la trattativa negoziale per il Comparto Regioni-Autonomie locali in modo da arrivare, entro la fine di quest’anno, alla sottoscrizione del nuovo accordo contrattuale, ‘’ribadendo – sottolinea Gabbianelli – la esclusione del costo dello 0,99% del Contratto dai parametri per il calcolo del Patto di stabilita’ interno’’.

 
(01-08-2003)

Barbara  Perluigi
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione