Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
News
| Condividi:

Ria: "Il Governo non rispetta i patti sottoscritti nell'Intesa Interistituzionale "

Ria: "Il Governo non rispetta i patti sottoscritti nell'Intesa Interistituzionale "

"Il Governo non rispetta il patto che aveva sottoscritto con le istituzioni, e, anzi, pretende di chiudere in tutta fretta la riforma della Costituzione chiedendo a Regioni, Province e Comuni di accettare passivamente un modello imposto dall'alto, elaborato senza la minima concertazione, frutto del lavoro di pochi".
Lo dichiara il Presidente dell'Upi, Lorenzo Ria, intervenendo all'incontro con il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che ha accettato oggi di ascoltare Regioni ed Enti Locali sul tema della nuova Costituzione del Paese.
"Nel giugno 2002 abbiamo siglato una intesa interistituzionale - prosegue Ria - che, almeno nelle intenzioni, stabiliva che il principio della concertazione fosse il pilastro della futura dialettica sulla riforma dello stato. Un patto che non è stato rispettato.
Si prevedeva  l'integrazione della  Commissione Bicamerale per gli affari regionali con i rappresentanti dei governi del territorio: altro patto non rispettato.
Si stabiliva di arrivare ad una rapida introduzione di elementi di federalismo fiscale. Ma anche questo non è stato rispettato. 
Troppe cose sono state tralasciate, perché ci si possa chiedere, oggi, di acconsentire senza obiezioni e in tempi rapidi, alla proposta del Governo.
Una proposta che, comunque, ci lascia fortemente perplessi nella definizione di alcune delle più importanti novità che intende introdurre.
Il Senato federale, prima di tutto, che è debole, inconsistente e di "federalista" contiene ben poco, soprattutto in quanto ai criteri previsti per l'elettorato passivo . Noi proponiamo che si arrivi alla definizione di un sistema "misto", di un Senato i cui membri siano in parte espressione diretta della rappresentanza dei territori, e in parte eletti direttamente dai cittadini.
La Corte costituzionale, la cui composizione, sebbene modificata, continua a non prevedere l'accesso diretto per le Province, i Comuni e le Città Metropolitane, in totale spregio dei principi della pari dignità costituzionale previsti dall'art. 114  della Costituzionale.
Al Presidente Berlusconi, poi - conclude il Presidente Ria -  chiediamo il rilancio e il riconoscimento delle funzioni proprie della Conferenza Unificata, che è il luogo principale di raccordo tra i diversi livelli di governo.
Un altro principio che era stato sancito con l'intesa interistituzionale del luglio 2002: un altro patto che, almeno fino ad oggi, è stato disatteso".


 
(16-10-2003)

Barbara  Perluigi
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione