Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
News
| Condividi:

L'intervista al Ministro per gli Affari Regionali, Enrico La Loggia.

L'intervista al Ministro per gli Affari Regionali, Enrico La Loggia.

Signor Ministro, le Province hanno definito quella del Governo una riforma centralista. Come risponde?

Il progetto di riforme varato all’unanimità dal Governo rappresenta il primo tentativo serio di modificare complessivamente ed in profondità un assetto costituzionale che incominciava a mostrare evidenti caratteristiche di farraginosità e lentezza. Quante volte tutti, indistintamente, ci lamentiamo del fatto che, ad esempio, le Camere hanno eguali competenze e poteri, con una conseguente duplicazione del lavoro? Quante volte scontiamo le difficoltà derivanti dal fatto che il Governo, ed in particolare il Presidente del Consiglio, non hanno un’adeguata capacità di rispondere prontamente alle esigenze della società perché l’esecutivo non ha gli strumenti adatti per corrispondere a questa esigenza? Quante volte, infine, ascoltiamo le lamentele dei cittadini perché non riescono a capire quale sia il giusto interlocutore al quale rivolgersi per il riconoscimento di un diritto o il soddisfacimento di un’esigenza? Ecco, con queste riforme cercheremo di dare risposte a queste domande. E lo faremo in una logica che è tutt’altro che centralista, ma al contrario di corresponsabilizzazione di tutti i livelli istituzionali della Repubblica nelle scelte che riguardano i cittadini.
 
Le Province hanno presentato alcune proposte, come l’istituzione di un Senato federale misto e l’accesso diretto degli Enti locali alla Corte costituzionale. Perché non sono state accolte dal Governo? Come le giudica lei?

Il Governo aveva l’esigenza di varare il disegno di legge ed avviare il suo iter parlamentare al fine di poter vedere in vigore la riforma costituzionale entro la fine della Legislatura, come ci siamo impegnati a fare. Ogni ulteriore ritardo, in questa fase, avrebbe compromesso tutto il percorso. Detto questo, e proprio perché il suddetto percorso è abbastanza lungo, ritengo che ci sia tutto il tempo per aggiustamenti e miglioramenti del disegno di legge, che non riteniamo affatto blindato. E non è da escludere che qualche modifica possa riguardare la composizione del Senato federale e della Corte costituzionale. L’importante è che l’impianto complessivo del progetto di riforma non venga intaccato.
 
Il metodo della concertazione è uno strumento ancora valido? Non Le sembra che al dialogo fra le Istituzioni su temi così importanti, come la riforma costituzionale e la lege finanziaria, sia stato assegnato un ruolo decisamente marginale?

Non mi pare che le cose stiano così. Al contrario, il confronto fra Governo, Regioni ed Istituzioni locali su questi argomenti è sempre aperto, nello spirito dell’Intesa interistituzionale sottoscritta a Palazzo Chigi nel giugno dello scorso anno. Sulla riforma costituzionale ho già espresso il mio pensiero. Per quanto riguarda la Finanziaria, il Ministro Tremonti – pur nelle difficoltà complessive derivanti da una contingenza economica non fra le più favorevoli a livello internazionale – ha già accolto alcune indicazioni provenienti dal sistema delle Autonomie e non è da escludere che ulteriori suggerimenti possano essere fatti propri dal Governo di qui all’approvazione definitiva della legge.
 
 

(10-12-2003)

Barbara  Perluigi
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione