Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
News
| Condividi:

Giudizio dell’UPI sul taglio del 10% imposto dalla manovra correttiva del governo

Giudizio dell’UPI sul taglio del 10% imposto dalla manovra correttiva del governo

COMUNICATO STAMPA

“UN DIKTAT CONTRO GLI ENTI LOCALI.
UNA SCELTA CHE LI PORTA ALLA PARALISI”


È il giudizio dell’Unione delle Province d’Italia sul taglio del 10% imposto dalla manovra correttiva del governo , espresso dal suo Presidente Lorenzo Ria


“Un taglio da 300 milioni di euro, questo il regalo che il governo ha fatto alle province italiane con la recente manovra finanziaria correttiva”. E’ questo il giudizio dell’UPI, sintetizzato dal suo  Presidente Lorenzo Ria,  che ne deduce anche le naturali conseguenze politiche ed operative.

 “È una manovra tecnicamente impossibile – afferma – perché è la premessa della paralisi generale degli enti locali. Si tratta, infatti, di un ulteriore taglio indiscriminato, che si somma al taglio di 488 milioni di euro già determinato dal governo con la finanziaria 2004”. 

 “Quello che più preoccupa nelle misure del governo – dichiara ancora il Presidente dell’Unione delle Province d’Italia – è l’idea  asfittica e regressiva di società che tali misure denunciano. Altro che innovazione e nuova crescita. Queste misure si ripercuoteranno  inevitabilmente sulla qualità degli edifici scolastici, sulla sicurezza delle strade, sulla qualità dell’ambiente, sulla messa in sicurezza dei territori. Queste stesse misure bloccheranno i grandi processi di trasformazione in atto dei Centri per l’Impiego e spegneranno ogni possibilità di intervento sul terreno sociale”.

 “Ci sono tre ragioni di metodo e di merito per bocciare senza appello le scelte del governo, conclude il Presidente dell’Unione delle Province d’Italia.
La prima. Questa scelta assume la forma di un diktat. Il governo ha, infatti, cancellato ogni forma di corretto rapporto istituzionale con gli enti locali.
La seconda. L’eventuale approvazione parlamentare del decreto  alimenterebbe un contenzioso infinito con le imprese private  che già sono affidatarie di servizi per l’intero anno e per gli importi già previsti dai bilanci approvati.
La terza. Il governo ha già autorizzato aumenti tra l’8 e il 10% per il rinnovo contrattuale del personale. Ora, che dobbiamo dire ai dipendenti provinciali! Che il governo ci ha tolto i soldi per i rinnovi contrattuali già approvati?

 L’assurdità di queste situazioni – conclude il Presidente dell’UPI Lorenzo Ria – rende chiari gli errori di scelta fatti dal governo”.  

 

Roma, 12.7.2004

(12-07-2004)

Redazione Upi
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione