Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
News
| Condividi:

Gli emendamenti presentati moltiplicano la confusione

Gli emendamenti presentati moltiplicano la confusione

                                 COMUNICATO STAMPA


                            RIFORME COSTITUZIONALI
GLI EMENDAMENTI PRESENTATI MOLTIPLICANO LA CONFUSIONE



“Pensavamo di esserci capiti, noi e il Ministro Calderoli – dichiara il Presidente dell’UPI Lorenzo Ria – nel recente incontro in cui abbiamo presentato la nostre proposte di modifica al disegno di legge di riforma costituzionale. Ma è stato tutto un fraintendimento. La presentazione degli emendamenti al disegno di legge di riforma della seconda parte della Costituzione da parte della maggioranza di governo non colma in alcun modo le gravi lacune del testo approvato dal Senato, anzi, moltiplica la confusione.”

“Il Ministro – prosegue il Presidente Ria – aveva convenuto su alcune proposte presentate dalle autonomie locali: quella relativa alla facoltà di Comuni, Province e Città metropolitane di accedere alla Corte costituzionale in caso di lesione delle loro funzioni fondamentali ad opera di leggi statali e regionali; quella relativa al riconoscimento costituzionale degli organismi di confronto tra il governo e gli enti territoriali. Il risultato evidenziato dagli emendamenti presentati risulta apprezzabile ma insoddisfacente.”

“Gli emendamenti, infatti, non prevedono un vero Senato federale – aggiunge il Presidente dell’UPI -  caratterizzato dalla presenza delle autonomie territoriali, ma offrono uno “strapuntino” a 40 rappresentanti di Regioni e Autonomie locali, che possono partecipare ai lavori del Senato, senza diritto di voto e senza alcun potere effettivo.

Viene, inoltre, rinviata “sine die” l’attuazione del federalismo fiscale e di tutta la riforma del titolo V già approvata. In questo modo, col pretesto della devoluzione, si pensa di lasciare tutto invariato.”

“Da ultimo – conclude Ria – invece di definire esattamente le città metropolitane in Italia,  risolvendo i problemi aperti, gli emendamenti presentati minano alla radice la certezza degli assetti istituzionali locali.”

Roma, 15 settembre 2004

(15-09-2004)

Redazione Upi
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione