Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
News
| Condividi:

Convegno "Le Province e il digital divide: un crocevia fra innovazione, sviluppo, territorio"

Convegno "Le Province e il digital divide: un crocevia fra innovazione, sviluppo, territorio"

Il Ministro Nicolais illustra la sua rivoluzione

L’innovazione tecnologica legata alla
professionalità del pubblico impiego



Innovazione tecnologica e professionalità del pubblico impiego devono andare a braccetto: per questo il Governo ha deciso di definire un dicastero capace di cogliere entrambi questi aspetti. “Non una semplice somma di competenze, ma un insieme ragionato di funzioni che devono necessariamente essere legate, per produrre in concreto quel cambio di passo di cui il Paese ha tanto bisogno”. Descrive così la sua mission il Ministro delle Riforme e dell’innovazione nella Pubblica amministrazione, Luigi Nicolais, introducendo il suo intervento al convegno di Brescia. Un intervento che non sarà solo un discorso politico di circostanza, ma la chiara spiegazione di un progetto attraverso cui il Ministro vuole dare il via ad una vera rivoluzione dell’Amministrazione.

“Grandi riforme per un Paese che cambia orizzonti”
“Viviamo un momento di grande cambiamento – dice il Ministro -  un momento in cui nel Paese si è aperta una forte riflessione sul rapporto tra i vari livelli istituzionali. C’è bisogno di rivedere il ruolo di ciascuno di noi, perché il Paese, la società, la realtà stessa sono profondamente mutati, anche e soprattutto perché si è ampliato il nostro orizzonte: oggi, sopra al Governo, alle Regioni, alle Province e ai Comuni c’è l’Unione Europea. Un nuovo soggetto in campo che ci impone di modificare il nostro stesso modo di operare. Certo, questo è un trasformazione che non deve interessare solo il mondo della politica, ma anche quello dell’impresa. Per questo c’è bisogno di un coordinamento forte: in questo sistema complesso c’è bisogno di attenzione a talmente tante variabili, che non possono essere affrontate usando norme studiate per non cambiare. Abbiamo bisogno di grandi riforme, che prima di tutto ci consentano di guardare e riguardare i processi in atto dal punto di vista dell’innovazione.  Ecco perché il Governo ha voluto unire insieme le materie dell’innovazione e quelle della funzione pubblica. Non si è trattato di operare una banale somma: il prodotto nasce dal convincimento che l’innovazione è strettamente legata alla professionalità del personale del pubblico impiego”.

“Cambiare la Pa, ma senza imposizioni”
“Abbiamo davanti un compito gravoso – sostiene Nicolais -  per prima cosa bisognerà lavorare per superare le resistenze al cambiamento, evitando qualunque imposizione. Non siamo di fronte ad una pura operazione meccanica: la riforma non si riduce al sostituire la penna con il computer. Quello che ci apprestiamo a fare è un vera e propria rivoluzione del sistema di operare, abbandonando le strategie frammentarie adottate, che non hanno prodotto effetto, e concentrandoci su pochi progetti  condivisi. Si tratta, in sostanza, si reingegnerizzare tutti i processi. Uno degli obiettivi più importanti da raggiungere è il superamento della sfiducia da parte dei cittadini nei confronti della pubblica amministrazione. Un obiettivo che può essere raggiunto innanzitutto se semplifichiamo  il complesso sistema di autorizzazioni cui oggi sottoponiamo i cittadini che si rivolgono allo Stato, ampliando invece il controllo ex post, che in Italia quasi non esiste, introducendo un sistema di valutazione diversa.  Ma per realizzare questa rivoluzione, c’è bisogno prima di tutto di assicurare al nostro personale una alta formazione professionale. Credo che mai come oggi sia cruciale mettere in atto politiche di formazione permanente”.

“Il ruolo delle Province a sostegno dell’innovazione”
“In questo quadro di profonde trasformazioni, le Province assumono un ruolo essenziale nel sostegno ai Comuni, per renderli attori dell’innovazione. E’ chiaro – sottolinea il Ministro - che i CST sono uno strumento chiave, perché rispondono alla necessità di mettere insieme quei piccoli comuni che altrimenti da soli non avrebbero la possibilità di sostenere l’innovazione.  Sono convinto della necessità di portare avanti questi strumenti, e di spostarli sempre più verso il  livello provinciale. La priorità – dice ancora - è l’interoperabilità, perché ci consente di arrivare ad una vera governance del sistema. L’altra priorità è rendere l’innovazione della PA un fattore chiave della competitività. Non possiamo più essere considerati come la palla al piede dello sviluppo: le imprese hanno bisogno di una amministrazione pubblica efficiente. In sostanza, l’ICT non deve più essere considerata come un fine, ma come uno strumento dell’azione di governo, che punta alla modernizzazione del paese, agendo come collante e integratore tra i vari livelli di governance (locale, regionale, nazionale, comunitario). Quanto al riuso – annuncia il Ministro - non ho alcuna intenzione di bloccare il bando sul riuso, voglio solo aprire una riflessione ed una verifica sui progetti realizzati, per favorire il riuso di strumenti che siano davvero efficaci”.

(04-10-2006)

Redazione Upi
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione