Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
News
| Condividi:

Dichiarazione del Presidente dell'Upi Emilia Romagna, Pieer Giorigo Dall'Acquan

Dichiarazione del Presidente dell'Upi Emilia Romagna, Pieer Giorigo Dall'Acquan

In merito alla recente sentenza n. 157 con cui la Corte Costituzionale ha dichiarato  illegittimo il taglio delle indennità degli organi politici regionali, prendo atto con soddisfazione del pronunciamento che riconosce l’autonomia normativa e finanziaria, non solo delle Regioni, ma anche degli Enti locali, in diverse materie, fra cui la fissazione delle indennità e dei gettoni di presenza, fatti salvi i principi generali fissati dal Decreto Ministeriale 119/2000 che è scaduto dal 2003 e non è mai stato rinnovato.

In aggiunta, ricordo, che gli amministratori delle Province dell’Emilia-Romagna si sono adeguati  alle disposizioni delle ultime due leggi finanziarie, decurtando il trattamento economico del 10% sia per i Presidenti e gli Assessori, che per i Consiglieri provinciali.
 
Pertanto, pur prendendo atto con soddisfazione della sentenza della Corte, ritengo che, ancora una volta, possiamo farci carico di affrontare il tema dei costi della politica in un ottica di ammodernamento e di semplificazione dei compiti e delle funzioni  delle Province, così come prevede il nuovo Codice delle Autonomie in discussione presso il Parlamento e credo che saremo  favorevoli ad una riduzione dei componenti degli organi esecutivi (le Giunte) e dei componenti degli Organi assembleari (i Consigli Provinciali).

Tale riduzione, sono certo, porterà  vantaggi sul piano dell’efficientamento complessivo  della Pubblica Amministrazione, accogliendo anche una domanda sociale e delle imprese che chiede più celerità nei processi decisionali.

Ritengo pertanto perseguibile, sin da ora, una forte innovazione nella vita politica del Paese che, a fronte di un  taglio delle spese generali degli enti e ad una consistente riduzione del numero degli amministratori locali, si proceda seriamente ad una verifica sulle indennità da corrispondere effettivamente agli amministratori stessi.

Ancora una volta, ribadisco, che le indennità degli amministratori, sempre più impegnati nell’esercizio di compiti e funzioni in crescente trasferimento dallo Stato e dalle Regioni, debbano essere serenamente ed equamente valutate anche con riferimento al trattamento economico dei componenti delle altre istituzioni elettive della Repubblica e rigettando ogni forma di populismo e di demagogia che, specie in questi ultimi tempi, domina il dibattito nazionale e locale  stravolgendo ogni  ragionevole considerazione.


Pier Giorgio Dall'Acqua, Presidente della Porivncia di Ferrara e Presidente dell'Upi Emilia Romagna
(17-05-2007)

Pier Giorgio Dall'Acqua
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione