Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Istituzioni e Riforme
| Condividi:

Ordine del giorno delle Province friulane

Ufficio di Presidenza Upi - 16 giugno 2005 -

ORDINE DEL GIORNO

L’Ufficio di presidenza dell’Upi nella riunione del 16 giugno 2005 ha approvato il seguente ordine del giorno:

Ricordato che

La legge costituzionale n. 1 del 1963 ha riconosciuto alla regione Friuli Venezia Giulia lo status di Regione autonoma attribuendole forme speciali di autonomia;

Atteso che

Tale specialita’ deve tradursi in un coerente sistema di suddivisione delle competenze tra la Regione, le Province, i Comuni e gli altri enti di secondo grado;

Ritenuto che

La riforma del titolo v, parte II, della Costituzione, attuata con la legge costituzionale n. 3 del 2001 ha ridisegnato, attraverso il principio di sussidiarieta’, i compiti e le funzioni dei diversi livelli di governo del territorio;

Ritenuto inoltre che

Tale sistema di governo indica nella Regione, a maggior ragione se dotata di autonomia differenziata, le competenze di alta programmazione, di legislazione e di controllo, devolvendo ai livelli inferiori di governo tutto quanto non rientri in tali funzioni;

Atteso che

Il ruolo della Provincia garantisce, in coerenza con quanto stabilito dal novellato articolo 118 della Costituzione, l’esercizio unitario delle funzioni amministrative di area vasta;

Rilevato che

La Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, dall’inizio della IX legislatura, sta perseguendo un disegno politico – amministrativo teso, invece, a ridurre le competenze e le funzioni delle Province per azzerarne di fatto il ruolo di sintesi che esse sono in grado di svolgere quando le problematiche non siano trattabili dai singoli Comuni;

Ricordato che

Tale disegno ha portato nel marzo 2004 alla indizione di un referendum per l’istituzione della Provincia regionale dell’Alto Friuli, che avrebbe portato a indebolire e svilire il ruolo della Provincia di Udine, nonche’ a farne venir meno l’unitarieta’;

Sottolineato che

I cittadini chiamati al voto respinsero l’ipotesi confermando il riconoscimento della Provincia nel suo ruolo di riferimento per tutta la popolazione;

Atteso che

Sono gia’ stati predisposti vari progetti di legge di riforma del sistema delle autonomie locali della Regione Friuli Venezia Giulia e, su tali progetti, non si è aperto, a tutt’oggi, un serio e costruttivo confronto su quelle che potrebbero essere le soluzioni migliori per garantire un sistema di autonomie coerenti con i nuovi principi costituzionali e, in special modo, adatti a garantire un sistema di governo efficiente, efficace e, soprattutto, unitario;

Visto che

Continua in modo martellante sugli organi di informazione del Friuli Venezia Giulia a trovare ampio spazio la volonta’ del Presidente della giunta regionale di voler addirittura cancellare le Province delegando i ruoli e le competenze alle Citta’ metropolitane, alle Comunita’ montane e ai Comuni;

Sottolineato che

Che tale convinzione del Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia potrebbe innescare analoghi processi in altre Regioni d’Italia, rendendo vano il lavoro di concertazione dell’Upi con il Governo nazionale finalizzato alla costruzione di un coerente sistema di autonomie locali dotate di competenze certe e risorse corrispondenti;

 

Tutto cio’ premesso:

 

Impegna l’Ufficio di presidenza dell’Unione delle Province d’Italia

Ø Continuare ad attivarsi presso il Presidente della regione Friuli Venezia Giulia, affinche’ non si prosegua nell’azione politico – amministrativa di svilimento del ruolo e delle funzione delle Province;

Ø A sensibilizzare, nei modi e nelle forme ritenute piu’ consone, il Presidente della giunta regionale e l’Assessore regionale alle autonomie locali della Regione Friuli Venezia Giulia, per l’avvio di un percorso di confronto costruttivo con tutti gli enti locali affinche’ il processo di costruzione delle nuove competenze delle autonomie locali venga portato a termine riconoscendo alla Regione il ruolo di alta programmazione, legislazione e controllo, devolvendo ai livelli di governo inferiori tutte le competenze amministrative e assicurando alle Province le funzioni relative al governo di area vasta.

Roma, 16 giugno 2005


(16-06-2005)
UPI

Documenti
  • odg
    file tipo "application/msword" 87kb.
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione