Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Politiche sociali
| Condividi:

Provincia di Palermo: inaugurato 'Il giardino della memoria'

Avanti "Riutilizzati i beni confiscati alla mafia"

"L'inaugurazione del giardino della memoria in un luogo dove la mafia ha commesso una delle sue numerose atrocità è un segnale di grande importanza da parte dello Stato. Ma ancora più importante è l'annuncio del ministro dell'interno, Roberto Maroni, dell'imminente varo delle nuove norme che consentono l'utilizzo effettivo dei beni confiscati alla mafia. In questo senso la Provincia ha da tempo dichiarato la sua disponibilità e ha sottolineato più volte la necessità di norme che consentano agli Enti Locali di utilizzare questi beni mettendoli nuovamente a disposizione dei cittadini". Lo ha dichiarato il Presidente della Provincia di Palermo, Giovanni Avanti che è intervenuto alla cerimonia di inaugurazione del Giardino della memoria di San Giuseppe Jato insieme al presidente del Consiglio Provinciale, Marcello Tricoli, al vicepresidente della giunta e assessore alla sicurezza e ai beni confiscati alla mafia, Piero Alongi e all'assessore ai rapporti con il Parlamento nazionale, Carola Vincenti.
"Sull'utilizzo dei beni confiscati - ha aggiunto Alongi - si gioca un'importante battaglia non solo simbolica ma concreta e di natura economica. Si tratta da un lato di sottrarre ricchezza ai clan e dall'altro restituire immobili, imprese, attività commerciali confiscate all'economia reale del nostro territorio".
"Dedicare il giardino a tutti i bambini uccisi dalla mafia - ha aggiunto il presidente Tricoli - è anche un modo per educare le nuove generazioni alla cultura della legalità e della lotta alla mafia, un'operazione di vitale importante per sconfiggere definitivamente il fenomeno mafioso"

 
(11-11-2008)

Ufficio Stampa Provincia di Palermo
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione