Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Politiche sociali
| Condividi:

PROVINCIA DI PISTOIA: INTERVENTI PER OCCUPAZIONE FEMMINILE

UN PIANO STRAORDINARIO FINANZIATO DALLA PROVINCIA

Parte sul territorio provinciale un Piano Straordinario per l'Occupazione Femminile elaborato dalla Provincia di Pistoia ed approvato con delibere del Consiglio e della Giunta Provinciale. Il Piano nasce dalla considerazione che nonostante negli ultimi anni la presenza delle donne nel mercato del lavoro sia aumentata, esistono ancora notevoli divari tra l'occupazione maschile e femminile, anche nell'ambito del lavoro autonomo, che rischiano di essere accentuati dalla crisi economica in atto. Questo è quanto emerge da un'attenta analisi di contesto, realizzata anche grazie al lavoro di sinergia attivato dall'Amministrazione con gli attori dello sviluppo locale, che ha portato all'attivazione di una serie di strumenti (sostegno all'impresa, formazione, voucher, stage, ecc) finanziati dal Fondo Sociale Europeo. Il piano si inserisce nelle attività portate avanti dalla Provincia con l'Unità di Crisi attivata in sinergia con le varie realtà locali, con la finalità di progettare interventi di contrasto alla crisi e di programmazione dello sviluppo economico locale.
Per ogni informazione: Ufficio Programmazione Integrata e Progetti Innovativi della Provincia Pistoia - via Tripoli 19 (Pistoia) tel. 0573/966441 e mail programmazioneintegrata@provincia.pistoia.it


ALCUNI DATI DI CONTESTO
Alcune cifre ci possono fornire una dimensione del fenomeno. In aumento nel corso del 2009 il numero di persone iscritte ai Centri per l'Impiego pari a 9.417 unità, il 55% è rappresentato da donne (5.181). Alla fine del 2009 le donne iscritte ai Centri per l'Impiego erano pari a 19.721 unità, il 64% circa del totale, in aumento rispetto all'anno prima (+9,7%).
In aumento anche il ricorso alla CIG in deroga: mentre in quasi tutte le province della Toscana il maggior numero di richieste interessa i lavoratori maschi, nel nostro territorio sono le donne ad essere le maggiori destinatarie di questo ammortizzatore sociale (985 donne al gennaio 2010, più del 55% del totale). Inoltre a Pistoia, a differenza di quanto accade in media a livello regionale, sono per la maggioranza donne le persone con la qualifica di operaio che hanno fatto richiesta di CIG in deroga (725 donne, più del 53% del totale).


COSA PREVEDE IL PIANO STRAORDINARIO
La crescente richiesta di servizi da parte di un'utenza femminile, che rappresenta la maggioranza delle persone che si rivolgono ai nostri servizi, richiede il potenziamento di strumenti sempre più personalizzati e rispondenti a specifici bisogni, quali orientamento, counselling, accompagnamento al lavoro dipendente e autonomo, sostegno a percorsi di carriera all'interno delle imprese e analisi delle competenze. Questo Piano mette in evidenza la necessità di una maggiore tempestività nella lettura del bisogno espresso dal territorio, in questo caso dalle donne, e di risposte adeguate e coerenti rispetto alle dinamiche del contesto socio economico. Lo scopo di queste misure è anche quello di individuare di ‘piazze virtuali di incontro domanda e offerta' che possano facilitare l'accesso delle donne alle occasioni di accrescimento della professionalità e di occupazione.

Il Piano prevede una serie di azioni, alcune delle quali già in fase di attuazione:

- la carta di credito prepagata ILA - Individual Learning Account è uno degli strumenti di politica attiva del lavoro indicati dal Piano, e già sperimentati nel nostro territorio, che finanzia la formazione ed altri interventi di politica attiva del lavoro, con l'aggiunta di alcune misure di accompagnamento (servizi di baby sitteraggio, trasporti etc), di cui una specifica tranche è destinata alle donne
- incentivi per l'assunzione di donne, sono previsti all'interno dei progetti integrati di comparto, già in corso di realizzazione, per un importo complessivo di €100.000
- di recente pubblicazione un bando a sportello, con scadenza 31 dicembre 2011, che prevede l'erogazione di voucher per esperienze di stage/tirocinio all'estero (€50.000), presso aziende pubbliche e private, destinato a donne laureate e disoccupate (comprese lavoratrici in CIGS) iscritte ai Centri per l'Impiego della Provincia
- i vari servizi erogati dai Centri per l'Impiego rappresentano un ulteriore supporto alle donne in cerca di occupazione, nel rientro da lunghi periodi di assenza dal lavoro e nei percorsi di ricollocazione conseguenti alla fuoriuscita dal mercato del lavoro a seguito di procedure di CIG straordinaria e/o in mobilità
- formazione delle lavoratrici(€200.000), attraverso le richieste avanzate da imprese che rilevano aziende in crisi, per mantenere i livelli di occupazione femminile e potenziare la professionalità delle lavoratrici interessate

Di prossima e imminente attivazione le seguenti azioni previste dal Piano:

- un corso di formazione per assistenti familiari ed corso di aggiornamento per operatori di nidi pubblici e privati(€35.000), in uscita oggi, con l'obiettivo non solo di favorire l'occupazione femminile ma anche la qualità di vita delle donne
- interventi per la creazione d'impresa da parte di donne (€224.000). Si tratta di un progetto integrato (formazione e incentivi) rivolto alle donne espulse dal mercato del lavoro e disoccupate, che prevede una serie di azioni per favorire l'imprenditorialità femminile tra cui l'accompagnamento, la formazione, l'analisi di mercato e la pianificazione d'impresa, lo start-up per 12 mesi
- adozione del Bilancio di Genere da parte della Provincia e azioni di sensibilizzazione (€34.000), al fine di promuovere una cultura volta a favorire la partecipazione delle donne al mercato del lavoro ed alla vita economico-sociale attraverso anche una migliore conoscenza, con il Bilancio di Genere, dell'impatto delle politiche sulla popolazione femminile. Questa azione rappresenta lo strumento che accompagna l'attuazione del Piano straordinario per l'occupazione femminile e prevede la realizzazione di campagne informative presso aziende private, scuole e la sperimentazione dell'analisi di bilancio di genere presso l'Amministrazione. L'adozione del Bilancio di Genere da parte della Provincia verrà realizzata con il coordinamento dell'Assessorato alle Pari Opportunità.
(17-02-2010)

Ufficio stampa Provincia di Pistoia
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione