Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Istituzioni e Riforme
| Condividi:

AL VIA I LAVORI DELL'ASSEMBLEA NAZIONALE DELLE PROVINCE 2010

foto I messaggi del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, del Presidente del Senato Renato Schifani, del Presidennte della Camera Gianfranco Fini, del Preidente del Consiglio Silvio Berlusconi e del Ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani.

MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Gentile Presidente,

con sentimenti di ideale partecipazione rivolgo un cordiale saluto a lei, agli organismi direttivi, ai delegati e ai partecipanti all’Assemblea nazionale dell’Unione delle Province d’Italia, chiamata a confrontarsi sul tema “Federalismo, territorio, sicurezza e sviluppo”, che forma oggetto di un intenso dibattito politico e istituzionale.

Le giornate catanesi costituiscono l’occasione per approfondire le prospettive di una piena attuazione dell’articolo 5 della Carta Fondamentale in armonia con le nuove disposizioni del titolo VV nel testo modificato dalla legge costituzionale 118 ottobre 2001, n. 3.

Con l’auspicio che dalla vostra assemblea nazionale emergano importanti contributi per riforme condivise che semplifichino il sistema delle autonomie e ne garantiscano una m maggiore efficienza complessiva, rinnovo il mio apprezzamento per l’attività che l’Unione delle Province d’Italia svolge con alto senso di responsabilità a favore delle collettività locali e rivolgo a tutti i partecipanti un cordiale, sentito augurio di buon lavoro.

Giorgio Napolitano

 

MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DEL SENNATO DELLA REPUBBLICA

Caro Giuseppe,

ti ringrazio per l’invito ad intervenire all’assemblea nazionale delle province italiane sul tema “Federalismo, territorio,, sicurezza e sviluppo”,, che avrà luogo i prossimi 19 e 20 ottobre a Catania. Concomitanti impegni mi impediscono di essere tra di voi ,, come pure avrei voluto, ma desidero esprimere il mio apprezzamento per questa iniziativa che ha il merito di affrontare un tema di grande attualità. Sono profondamente convinto che il federalismo possa rappresentare per il nostro Paese unna svolta epocale e segnare la complessiva trasformazione politica e istituzionale, sulla base delle responsabilità dei livelli di Governo. Il federalismo non solo potrà favorire l’uso efficiente delle risorse ma anche promuovere nuovi modelli di sviluppo per i nostri territori. Con l’occasione invio a te e agli intervenuti un sentito e cordiale saluto, oltre all’augurio di buon lavoro.

Renato Schifani 

 

MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI

Gentile Presidente,

In occasione dell’Assemblea nazionale delle Province d’Italia, che avrà luogo a Catania dal 19 al 20 ottobre 2010, desidero rivolgere a Lei, gentile Presidente,, e a tutti i partecipanti il mio saluto più cordiale. Sono certo che i vostri lavori, incentrati sul tema “Federalismo, territorio, sicurezza e sviluppo”, forniranno un utile contributo di riflessione sul dibattito in corso sull’esigenza di definire una nuova articolazione dei livelli di Governo e di rafforzare la funzionalità delle autonomie,, nella consapevolezza che l’unità nazionale costituisce il bene primario e principio fondante della nostra Costituzione.

Nell’auspicare il pieno successo dell’evento,, rivolgo a Lei, gentile Presidente,, e a tutti coloro che vi prenderanno parte un sincero augurio di buon lavoro.

Gianfranco Fini

MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

A nome mio personale e del governo invio a tutti i partecipanti un caloroso saluto e un cordiale augurio di buon lavoro.

 Tra i temi al centro del Vostro dibattito, il federalismo fiscale è la prima delle cinque grandi riforme a cui il Governo ha già dato il via e sottoposto all’esame del Parlamento, in attuazione del programma di legislatura approvato dagli italiani.

Le prossime riforme riguarderanno la sicurezza,, la giustizia,, il rilancio del sud e il fisco, e saranno approvate con cadenza ravvicinata,, con l’obiettivo di rendere l’Italia più moderna, più efficiente,, più giusta e più sicura. I contributi che usciranno dalla vostra assemblea annuale al riguardo saranno attentamente considerati.

Il federalismo fiscale punta a far si che gli italiani possano finalmente usufruire di servizi pubblici di uguale livello e qualità in tutto il territorio nazionale, nel nord come nel sud.

I comuni saranno coinvolti nell’accertamento dei redditi dei contribuenti per combattere l’evasione fiscale. Gli enti locali godranno di una maggiore autonomia nelle entrate, in linea con gli impegni sottoscritti da Governo, Anci e Upi il 9 luglio scorso. Gli amministratori dovranno operare con la massima trasparenza e dare conto ai loro amministrati di come vengono impiegati i soldi delle imposte.

Il federalismo fiscale non dovrà comportare maggiori costi per lo Stato e dovrà essere effettuato senza nessun aggravio della pressione fiscale complessiva, che sarà anzi destinata a diminuire progressivamente, in ragione sia della diminuzione degli sprechi, sia del restringersi dell’area dell’evasione fiscale.

Dall’attuazione del federalismo dovrà derivare una nuova Italia delle autonomie più attenta e vicina alle reali esigenze dei cittadini. La realizzazione del nuovo assetto dovrà avvenire attraverso la valorizzazione di tutte le autonomie ordinarie e degli enti locali nel rispetto delle autonomie speciali con l’impegno di salvaguardarne le peculiarità.

La Carta della autonomie, già approvata dalla camera e ora all’esame del Senato,, è condivisa dal Governo che ne auspica la definitiva approvazione:: la sua applicazione contribuirà alla semplificazione burocratica e alla riduzione dei costi della politica.

Il Governo ha operato al fine di portare l’Italia fuori dalla crisi, ha tenuto i conti pubblici in sicurezza senza mettere le mani nelle tasche degli italiani, ha garantito la coesione sociale ed ha agito con il consenso unanime di i tutti gli organismi di controllo europei e internazionali, preservando la stabilità. Nei prossimi due anni ci si dovrà impegnare per lo sviluppo, nell’interesse delle famiglie e delle imprese contando sulla collaborazione di tutte le istituzioni, a cominciare dalle istituzioni locali.

Ancora cordiali auguri di buon lavoro.

Silvio Berlusconi

MESSAGGIO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Caro Presidente,

la ringrazio per il cortese invito all’assemblea nazionale delle Province italiane. Concomitanti impegni istituzionali non mi consentono, purtroppo,, di prendere parte alla Vostra importante iniziativa. Rivolgo, comunque, a Lei e a tutti i partecipanti un cordiale saluto e un augurio di buon lavoro.

Il protocollo di intesa sulla digitalizzazione e l’utilizzo di internet nella PA, che sarà siglato nel corso dell’assemblea e che reca già la mia firma, rappresenta un elemento chiave per la cooperazione innovativa tra Governo centrale e amministrazioni locali.

Una collaborazione che intendiamo valorizzare e potenziare per contribuire in maniera significativa alla crescita del Paese. Ritengo, infatti, che solo attraverso la creazione di un raccordo stretto e continuativo tra Governo centrale e governi territoriali finalizzato alla definizione di progetti calibrati sulle diverse esigenze territoriali, sia possibile realizzare con successo le grandi riforme strutturali, essenziali per rilanciare la competitività, al crescita e l’occupazione del nostro Paese.

Con la firma di questo protocollo, che va a consolidare le linee di indirizzo già delineate tra UPI E Ministero dello Sviluppo Economico nell’ambio dell’ Accordo dello scorso febbraio, si estende la collaborazione anche al Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione.

Un’azione congiunta e coordinata consentirà di mettere a sistema competenze e progettualità contribuendo al rafforzamento dei piani di digitalizzazione avviati dal Governo. Al potenziamento delle reti di comunicazione ad alta capacità deve infatti essere affiancata anche la diffusione dei servizi telematici di supporto al cittadino, alle imprese e alla Pubblica Amministrazione.

In questo processo, la Gazzetta Amministrativa è lo strumento adeguato per sostenere, attraverso una comunicazione capillare, gli enti locali nell’attuazione delle novità normative introdotte nel campo della semplificazione amministrativa, dello sviluppo economico, della trasparenza e dell’innovazione tecnologica.

Certo che dalla Vostra Assemblea potranno derivare interessanti spunti di riflessione, che mi riprometto di esaminare con attenzione, rivolgo a tutti i partecipanti i migliori auguri per il pieno successo delle loro iniziative

Con viva cordialità, Paolo Romani
(19-10-2010)

Redazione
CERCA


Link correlati
AGENDA

UPI Social Network


Dowload Documentazione