Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Politiche sociali
| Condividi:

Assemblea nazionale degli Assessori Provinciali alle politiche sociali

foto Schittulli: "Alle Province e ai Comuni il coordianmento e la gestione territoriale e socio-sanitaria. La Provincia di Bari sarà ente promotore di un tavolo di coordinamento"

“Il disastro sanitario pugliese dovrebbe consentire una opportuna e risolutiva rivisitazione politica: alla Regione il compito-dovere di programmare, legiferare e controllare, alle Province e Comuni il coordinamento e la gestione territoriale. Per questo la Provincia di Bari si candida ad essere l’ente capofila di un tavolo di coordinamento con i Comuni esteso ad Enti e strutture socio - sanitarie pubbliche e private del territorio”.

Lo ha annunciato il Presidente della Provincia di Bari e dell’Upi Puglia, Francesco Schittulli, nell’ambito dell’Assemblea nazionale degli Assessori alle Politiche Sociali e Sanitarie delle Province italiane, di cui è coordinatore, che si è insediata oggi a Bari.

Si è trattato di un incontro importante finalizzato ad approfondire e rilanciare una riflessione partecipata e condivisa sul ruolo della Provincia in un settore fondamentale per la qualità della vita dei cittadini, qual è quello delle Politiche Sociali e Sanitarie. Come è noto infatti, se da un lato la riforma introdotta con la 328/2000 ha affidato il settore dell’assistenza ai Comuni, dall’altro ha riconfermato l’importanza di un ente di area vasta nel sistema integrato di interventi e servizi sociosanitari.  “Alla Provincia – è stato evidenziato - compete infatti una funzione generale di coordinamento delle politiche territoriali d’area vasta. Anche con riferimento al settore dei servizi sociali e sanitari, l’esperienza concreta ha dimostrato il limite della dimensione comunale ed è, dunque, sempre più necessario un agire coordinato e integrato degli enti locali al fine di elaborare politiche territoriali efficaci.
“I costi operativi sono profondamente diversificati nelle Regioni e tra le stesse Province – ha sottolineato Schittulli -.Anche la spesa socio-assistenziale registra una profonda differenziazione tra le varie aree del Paese. Se nelle aree più efficienti si è realizzata una adeguata integrazione tra servizi sociali, sanitari e assistenziali, nel Centro-Sud essa è gestita prevalentemente dagli Enti locali. Dunque, per poter svolgere al meglio le loro funzioni, realizzando un modello di governo allargato delle politiche sociali e sanitarie, è fondamentale che le Province si collochino in un rapporto stabile con gli altri soggetti istituzionali. L’esperienza maturata dimostra che il risanamento passa non solo dal versante economico, ma anche da una riconversione delle attività: si tratta cioè di rimodulare la rete sanitaria - ospedaliera, attraverso non già le diminuzioni di ospedali, ma la riqualificazione dell’intera offerta, con il contestuale potenziamento dell’assistenza territoriale.
La Provincia di Bari – ha concluso il Presidente Schittulli – si farà promotrice di tavolo di confronto e coordinamento con i quarantuno Comuni del territorio, la Asl Ba, il Policlinico, l’Ospedale “Miulli” di Acquaviva delle Fonti, l’Istituto Oncologico, l’Istituto “Maugeri” di Cassano Murge, l’Università degli Studi e le strutture convenzionate e private, al fine di programmare un sistema integrato e fattibile di interventi e servizi socio - sanitari che risponda concretamente alle aspettative, sino ad oggi deluse, dei singoli cittadini”.


(09-03-2011)
Ufficio stampa Provincia di Bari

Galleria fotografica.

CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione