Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Sviluppo economico
| Condividi:

AL FESTIVAL DELLA FELICITA DI PESARO E URBINO LE PROVINCE LANCIANO UN NUOVO MODELLO DI SVILUPPO

Ricci "Lavoriamo per assicurare la qualita' della crescita delle comunita'"

"Se non possiamo immaginare di essere il Paese più ricco d'Europa, dobbiamo avere l'ambizione di diventare il Paese in cui si vive meglio, concentrandoci sulla qualita' della crescita". Lo ha detto il Presidente della Provincia di Pesaro e Urbino, aprendo i lavori del convegno "Province 2020. Progettare e misurare il Benessere in tempo di crisi", organizzato dall'Upi e dalla Provincia di Pesaro-Urbino.
Un convegno che rilancia il dibattito sull'adozione di nuovi indicatori per misurare lo stato di benessere dei cittadini, e che apre il Festival della felicita' di Pesaro Urbino, che proseguira' fino al 5 giugno prossimo. "La pubblica amministrazione - ha detto - puo' condizionare positivamente o negativamento la qualita' della vita delle comunita'. Le Province possono, attraverso le decisioni che prendono nei piani strategici e con la programmazione territoriale, essere decisive, mettendo in campo progetti e programmi fortemente orientati al futuro".

"Dobbiamo lavorare insieme per rendere reale un sogno - ha detto il Presidente dell'Istat Enrico Giovannini, intervenendo ai lavori. "Discutere di indicatori - ha detto - vuol dire discutere della societa' che vogliamo costruire, e gli indicatori di risultato diventano valutatori della democrazia. La buona notizia - ha poi aggiunto illustrando tutte le iniziative avviate sul tema del benessere a livello mondiale - e' che non siamo soli e che ci sono decine di iniziative nel mondo su questi temi".

“La strategia Europa 2020 - ha dichiarato il Presidente dell’Upi Basilicata Piero Lacorazza, intervenendo al Convegno - chiama istituzioni e territorio a cooperare per tre obiettivi principali: la crescita intelligente,  la crescita inclusiva e la crescita sostenibile, rendendo efficiente l’uso delle risorse e rilanciando la competitività dei sistemi territoriali. È proprio su tali elementi che la Provincia di Potenza, sta lavorando, anche attraverso la definizione del Piano strutturale provinciale, lo strumento principale di pianificazione dell’Ente che rappresenta l’obiettivo di fine consiliatura. Idealità della visione e concretezza del quotidiano sono, e dovranno essere sempre più, i principi cardine del nostro impegno. L’idealità della visione rappresenta l’idea di futuro che vogliamo contribuire a realizzare, mentre la concretezza del quotidiano misura i passi da compiere per  attuare questa visione”.

"Vogliamo costruire, a partire da questa iniziativa, un nuovo modello di Provincia - ha detto il Presidente dell'Upi Giuseppe Castiglione - che declini lo sviluppo nella sostenibilita': sostenibilita' dell'ambiente, del territorio, della programmazione urbanistica, dello sviluppo economico. Dobbiamo per questo accettare e fare la nostra la sfida della misurazione della democrazia e dalla valutazione del nostro impegno di amministratori".

Nel pomeriggio, il convegno è prosegutio con la presentazione del sondaggio "Gli italiani e la felicita'" del Presidente dell'Ipsos Nando Pagnoncelli. Secondo le rilevazioni dell'istituto di rigcerca, gli italiani sono fortemente preoccupati dalla crisi economico e credono, per la maggioranza, che durera' ancora altri 5 anni. Ma si dichiarano felici, nonostante tutto, grazie alla grande capacita' di adattarsi alla situazione, che permette loro comunque di andare avanti.

Quanto alla politica, l'atteggiamento degli italiani e' profondamente diverso, che si guardi al contesto nazionale o a quello locale. Secondo lo studio, infatti,  il 64% degli italiani considera peggiorata la situazione politica degli italiani, ma se si passa alla dimensione territoriale della comunita' di residenza, il dato scende al 25%. Un 40% la definisce anzi migliorata o ugualmente positiva. Preoccupa molto, invece, la crisi economica (78% degli intervistati)." In questo contesto- ha commentato Pagnoncelli - la famiglia diventa quasi un rifugio. Infatti, gli italiani la pongono al primo posto tra gli aspetti immateriali determinante per migliorare la qualita' della vita, seguito dall'amore e dalle amicizie. Tra gli aspetti materiali, invece, per gli italiani sono determinanti prima di tutto la salute, poi il reddito e a seguire la casa.

"Se possiamo considerare rassicurante la tendenza a trovare soddisfazioni nella sfera affettiva - ha commentato Pagnoncelli illustrando il sondaggio - preoccupa la distanza crescente tra la situazione personale e il Paese. Come se l'Italia avesse smarrito il senso di appartenenza. Si attesta, rispetto anche ai temi promossi in questo convegno, la considerazione che la politica, troppo concentrata nella ricerca di consensi nell'immediato, stia perdendo il senso della programmazione del futuro del Paese".


(30-05-2011)
Barbara Perlugi

Documenti
CERCA


Link correlati

UPI Social Network


Dowload Documentazione