Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Cultura, Turismo e Sport
| Condividi:

Le città della cultura, Conferenza nazionale degli assessori alla cultura e al turismo Bono, Upi: “Politiche culturali: sinergia tra pubblico e privato percorso obbligato per fronteggiare la crisi e concorrere al rilancio dell’economia nazionale”

Comunicato stampa: Intervento Presidente Bono alla Conferenza nazionale degli assessori alla cultura e al turismo.

 

“Dobbiamo riportare al centro delle scelte politiche economiche del Paese l’industria della cultura e del turismo, ma in una fase di crisi drammatica come quella che stiamo vivendo, l’intervento pubblico da solo non basta. L’unica strada che abbiamo davanti per sostenere l’industria della cultura e del turismo e concorrere al rilancio dell’economia nazionale è costruire una forte sinergia tra pubblico e privato”. Lo ha detto il Responsabile Nazionale per la Cultura ed il Turismo dell’UPI, Nicola Bono, Presidente della Provincia di Siracusa, intervenendo alla Conferenza nazionale degli assessori alla cultura e al turismo “Le città della cultura” aperta oggi a Roma.

“Dobbiamo puntare al massimo coinvolgimento degli attori privati – ha detto -  perché le risorse pubbliche non bastano più, e perché le imprese sono le uniche che possono individuare quelle azioni in grado di avere effettiva ricaduta economica, vitali per il Paese”.

Il problema, secondo il Presidente, non è però solo la scarsezza di risorse, ma anche la mancanza di un corretto sistema di governance.  “Un aumento delle risorse non basta – ha detto - occorre che quelle disponibili non vadano  sprecate né restino inutilizzate ma, al contrario, siano usate in modo finalizzato e  responsabile: oggi più che mai è essenziale individuare obiettivi strategici condivisi da tutti i livelli di governo. Le Province, insieme a Regioni e Comuni – ha ricordato Bono - hanno individuato alcune priorità su cui incentrare la strategia di rilancio del settore, a partire dall’istituzione di una ‘cabina di regia nazionale’,  una sede di concertazione nuova e più efficace per formulare un programma condiviso, con la partecipazione dei protagonisti pubblici e privati del settore, con interventi concreti nella programmazione economica a livello centrale e locale.”.

Bono ha poi puntato il dito sul mancato utilizzo dei fondi europei per la cultura: “E’ assurdo – ha detto – che in una fase come questa non si riescano a spendere le risorse che l’Europa ci mette a disposizione. Mi riferisco al programma  Poin “Attrattori culturali, naturali e turismo” , un programma operativo interregionale della Commissione europea che favorisce le potenzialità turistiche del patrimonio culturale del nostro Paese, e che ha un budget di circa 1 miliardo di euro. Dal 2007 ad oggi non è stato utilizzato un solo euro di questo fondo, nonostante le puntuali e reiterate proposte progettuali elaborate dalle Province e presentate agli organismi intermedi delle reti. E’ chiaro che se andiamo avanti così il rischio è che questi soldi andranno persi”.


(23-09-2011)
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione