Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Istituzioni e Riforme
| Condividi:

SPENDING REVIEW : CASTIGLIONE SVUOTARE DI FUNZIONI LE PROVINCE PRODURRA’ COSTI STRAORDINARI

foto La conferma dal Servizio Bilancio del Senato

“Noi lo abbiamo detto non appena il Governo ha varato il famoso decreto Salva Italia: l’articolo 23 che svuota le Province dalle loro funzioni non solo getterebbe nel caos il Paese, ma produrrebbe costi straordinari per lo Stato e la Pubblica Amministrazione.

Oggi il Servizio Bilancio del Senato conferma il nostro allarme, analizzando le norme ordinamentali contenute nella spending review che danno attuazione a quello sciagurato provvedimento”.

E’ il commento del Presidente dell’Upi, Giuseppe Castiglione, sulle valutazioni emerse dal Servizio Bilancio del Senato, alle prese con l’analisi della Spending review che contiene norme ordinamentali sulle Province, tra cui la definizione delle funzioni in linea con quanto stabilito dall’articolo 23 del Salva Italia.

Secondo i tecnici del Senato, spostare le funzioni dalle Province ai Comuni produrrà costi straordinari, e quindi nemmeno quantificabili, anche per il venir meno delle economie di scala che le Province riescono a realizzare sui territori nell’espletamento delle loro funzioni.

“E’ chiaro a tutti – aggiunge Castiglione – che ci sono funzioni che sono tipiche dell’area vasta: dalla difesa dell’ambiente alla pianificazione territoriale, dalla viabilità e mobilità provinciale alle politiche per il lavoro, all’istruzione, alla formazione professionali, fino alla gestione degli edifici scolastici. 

Proprio lo spostamento delle funzioni sulla scuola può essere l’esempio più immediato: trasferire le competenze dell’edilizia scolastica dalle Province ai Comuni significherebbe spostare sui bilanci dei Comuni spesso medi e piccoli i costi di gestione, manutenzione e messa in sicurezza di 3.266 istituti scolastici e 5.179 edifici, con un immediato aumento delle spese.

Ci auguriamo che il Parlamento voglia riflettere con attenzione su queste analisi del Servizio Studi del Senato: la spending review, visto il suo obiettivo, non può certo contenere provvedimenti che sicuramente produrranno spese inattese e straordinarie per la Pubblica Amministrazione”.


(12-07-2012)
Barbara Perluigi
CERCA


Link correlati

UPI Social Network


Dowload Documentazione