Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Finanza e fiscalità locale
| Condividi:

Debiti Pa, Saitta “Il decreto sia coerente con risoluzione parlamentare".

foto "Liberare realmente e in tempi rapidi tutti i pagamenti in conto capitale degli enti locali"

“Il Decreto Legge sui pagamenti degli Enti locali alle imprese deve essere coerente con la risoluzione parlamentare approvata ieri all’unanimità e deve consentire di liberare realmente e in tempi rapidi tutti i pagamenti in conto capitale degli enti locali, quelli dovuti alle imprese per investimenti in opere e infrastrutture” .

Lo dichiara il Presidente dell’Upi, Antonio Saitta, in vista del Consiglio dei Ministri di questa sera in cui si prevede l’approvazione del decreto sui debiti della pubblica amministrazione.

“La votazione all’unanimità della risoluzione parlamentare di ieri - sottolinea Saitta –dimostra che su questo tema e sulla necessità di modificare le regole del patto di stabilità, che hanno mortificato la capacità di promuovere investimenti da parte di Province e Comuni, ormai c’è piena convergenza di tutte le forze politiche. Per questo chiediamo al Governo di cogliere questa opportunità e fare di questo decreto lo strumento per rilanciare l’economia del Paese, a fronte di un crollo degli investimenti locali che per le sole Province, in 5 anni, è stato di oltre il 44%.

Il decreto poi – aggiunge il Presidente dell’Upi – deve essere l’occasione per ridurre i tagli imposti agli enti locali, che stanno mandando in crisi le amministrazioni. Con un taglio di 1,2 miliardi ai bilanci delle Province per il 2013 non riusciamo a garantire nemmeno il mantenimento dei servizi essenziali. Abbiamo bisogno di risorse per intervenire nella manutenzione delle strade, e i danni causati dal maltempo di questi giorni, con frane e smottamenti ovunque, dimostrano ancora una volta di quanti interventi ha bisogno il nostro sistema viario. E abbiamo bisogno delle risorse necessarie per continuare a garantire scuole aperte, calde e sicure. Se non si utilizza questo decreto per risolvere queste emergenze, che ormai sono chiare a tutti, non faremo che produrre l’ennesimo provvedimento tampone, mentre il Paese, le istituzioni locali, le imprese e i cittadini,  aspettano interventi che siano in grado davvero di fare ripartire e subito l’economia”. 

 


(03-04-2013)
Barbara Perluigi
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione