Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Istituzioni e Riforme
| Condividi:

Province, Saitta: “dai sindaci del territorio, un plebiscito contro il sindaco metropolitano.

"Ora Fassino convinca il ministro Delrio che manca il consenso”

“L’ho definita una battaglia di democrazia, ma i sindaci del territorio con le loro lettere l’hanno di fatto trasformata in un plebiscito contro il futuro sindaco metropolitano. Non è certo una questione personale nei confronti di Piero Fassino, ma spero che nella sua veste di presidente nazionale dell’Anci ne voglia tenere conto e spieghi finalmente al ministro Delrio che il Governo su questo provvedimento non ha il consenso”.

Il presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta ha presentato le 250 adesioni “ricevute in poche ore dall’80% dei 314 sindaci dell’intera provincia torinese, preoccupati che la nomina per legge del sindaco del capoluogo come sindaco metropolitano indebolisca ed emargini non solo vallate e montagne, ma perfino la conurbazione stessa di Torino”.

“Ringrazio i sindaci per le parole di stima e condivisione che hanno voluto rivolgere al lavoro di rappresentanza e tutela portato avanti dalla Provincia di Torino nei confronti dello loro realtà, oltre che per il riconoscimento umano e politico al mio impegno in questa battaglia di modifica del disegno di legge del ministro Delrio”.

Saitta ricorda che “le Province italiane fin dall’epoca del Governo Monti hanno cercato invano di ottenere modifiche condivise al ridisegno della pubblica amministrazione: “invece il Parlamento si troverà lunedì 25 novembre ad esaminare e votare con un iter che il Governo Letta ha voluto accelerato ed urgente un disegno incostituzionale, che tra l’altro riduce ed abbassa per legge il livello di democrazia nel nostro Paese: come può pensare il ministro Delrio di investire per legge i sindaci dei capoluoghi delle future città metropolitana a capo di centinaia di altri Comuni senza suffragio universale, libero e diretto dei cittadini?”

“Ho constatato - conclude Saitta - che non sono solo in questa battaglia di democrazia. Se un così gran numero di sindaci mi hanno ringraziato per essere stati coinvolti ed aver chiesto loro il parere, non significa forse che il Governo sta sbagliando qualcosa nella sua crociata di modifica della costituzione?”

Conclude Saitta: “i sindaci sentono come me come l’esigenza di riformare il Paese e la pubblica amministrazione, ma senza prescindere dal rispetto e dalla salvaguardia delle più elementari regole della democrazia. Resta poco tempo per provare a migliorare questo progetto di riforma che rischia seriamente di minare la rappresentatività di interi territori. Il ministro Delrio non ha ascoltato l’appello di 44 costituzionalisti, ma dal momento che è stato sindaco e lui stesso presidente dell’Anci,  vorrà ascoltare la voce di centinaia dei sindaci?”

Alla conferenza stampa sono intervenuti assessori, capigruppo e consiglieri provinciali “di tutte le forze politiche – ha precisato Saitta – perché si tratta di una battaglia trasversale: manderemo il materiale ai parlamentari piemontesi per verificare se preferiscono tutelare il territorio oppure obbedire ai rispettivi partiti nazionali”.

 


(13-11-2013)
Ufficio stampa Provincia Torino

Documenti
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione