Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Istituzioni e Riforme
| Condividi:

Province, studio Ispo, solo per 4% italiani abolizione Province e' priorita'

Saitta "La politica non capisce piu' il Paese"

Il 72% dei cittadini si sentono orgogliosi della loro provincia e solo il 4% degli italiani ritiene prioritario abolire le Province. E' quanto emerge da una indagine sugli italiani realizzata dal centro studi dell'Ispo presentata oggi a Milano dal Prof. Renato Mannheimer, dal Presidente dell'Upi Antonio Saitta e dall'Assessore alle riforme istituzionali della Provincia di Milano, Franco De Angelis. Secondo lo studio, per l'81% degli italiani la riforma piu' urgente per tagliare la spesa pubblica e' ridurre le indennita' dei parlamentari italiani. Secondo lo studio Ispo, l'attaccamento alle Province e' un sentimento radicato, riscontrato in ogni rilevazione dal 2003 ad oggi, nonostante le pesanti campagne demagogiche contro questa istituzione. "La spesa pubblica - ha evidenziato il Prof. Mannheimer - viene vista dai cittadini come spesa politica". Infatti alla domanda 'quali riforme servirebbero per ridurre la spesa pubblica',  8 cittadini su 10 rispondono  la riduzione del numero e delle indennita' dei parlamentari, 7 su 10 il taglio del numero e delle indennita' dei consiglieri regionali, 6 su 10 la riduzione degli stipendi dei manager delle aziende statali o partecipate, 5 su 10 il taglio dei costi di enti e organismi intermedi. La riforma delle Province e' considerata prioritaria solo dal 16% dei cittadini che si dichiarano elettori del PD, dal 15% dei cittadini che si dichiarano elettori di FI e dal 17% dei cittadini che si dichiarano elettori del Movimento 5 Stelle.

"Questa ricerca - sottolinea il Presidente Saitta - dimostra che, contrariamente a quanto si continua a dire, non sono affatto i cittadini a volere l'abolizione delle Province, che, anzi, sanno benissimo essere una  riforma per nulla prioritaria. L'accanimento contro le Province  e' solo la risposta di una politica debole che, non volendo ascoltare le reali richieste del Paese, cerca di autoassolversi perche' non e' in grado di autoriformarsi. Ma il vero dramma e' che per inseguire slogan che non sono nemmeno condivisi dai loro elettori, i politici stanno tagliando tutte le risorse delle Province destinate ai servizi essenziali. Quando le scuole resteranno chiuse e le strade non saranno piu' curate, i cittadini andranno a protestare sotto il Parlamento. Allora sara' chiara la totale mancanza di visione di futuro di una riforma sbagliata che sostenendo di volere svuotare le Province, in realta' non fa altro che cancellare servizi essenziali".

 

In allegato, la ricerca dell'Ispo.


(18-12-2013)
Barbara Perluigi

Documenti
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione