Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Finanza e fiscalità locale
| Condividi:

Def 2014: l’Upi in Audizione alla Camera dei Deputati

Pastacci “Mancano misure per rilanciare gli investimenti: urgente riforma del patto di stabilità”


“Non possiamo ancora una volta puntare solo sui tagli alla spesa: se non ripartono gli investimenti locali non si torna a crescere. Serve la riforma strutturale del patto di stabilità, che consenta a Province e Comuni di aprire i cantieri per le opere di riqualificazione e messa in sicurezza dei territori e di utilizzare a pieno i fondi comunitari a disposizione dall’Unione europea”.

Lo ha detto il Presidente della Provincia di Mantova, Alessandro Pastacci, intervenendo per l’Upi all’audizione alla Commissione Bilancio della camera nelle audizioni in corso sul DEF 2014.

“Sono anni – ha detto Pastacci - che chiediamo di rivedere strutturalmente le norme di un patto che tutti, a partire dal Presidente del Consiglio Renzi, considerano assurde  perché bloccano nelle casse di Province e Comuni soldi che potrebbero essere usati per opere necessarie. Invece anche in questo DEF ci sono le solite misure tampone, come l’esclusione dal patto delle risorse che il Governo stanzierà per il piano straordinario dell’edilizia scolastica  o quelle per assicurare i pagamenti alle imprese, ma da sole non possono bastare. Serve una riforma che possa garantire una crescita economica effettiva, organica e duratura altrimenti sarà inevitabile dover ricorre a misure straordinarie  ad ogni nuova emergenza. Una riforma strutturale – ha sottolineato il Presidente Pastacci ai deputati e senatori presenti - che  deve prevedere anche l’esclusione dal patto del cofinanziamento nazionale e locale dei fondi Ue, perché solo così si può assicurare il pieno utilizzo delle risorse comunitarie sia per quanto riguarda la vecchia programmazione, sia per la progettazione della nuova programmazione 2014/2020.

 Accanto alla ripresa degli investimenti – ha aggiunto il Presidente -  occorre operare la revisione della spesa pubblica, attraverso un’opera di razionalizzazione e non di tagli lineari ai servizi essenziali”.  Diverse le proposte presentate dall’Upi ai deputati e ai senatori presenti, a partire dalla razionalizzazione delle stazioni appaltanti attorno alle Province, come previsto dalla Legge 56/14 “che – ha sottolineato Pastacci - comporterebbe una riduzione di spesa stimata dagli economisti pari a più di 30 miliardi” .

In allegato, il documento consegnato in audizione

 


(15-04-2014)
Barbara Perluigi - Luisa Gottardi

Documenti
  • Documento Upi Def 2014
    file tipo "application/vnd.openxmlformats-officedocument.wordprocessingml.document" 129kb.
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione