Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Istituzioni e Riforme
| Condividi:

Riforme: l’Upi al Convegno Censis sulle Province

foto Baccelli “Cancellate le Province come istituzioni, ma l’ente di area vasta necessario al Paese”

“Lo studio presentato oggi dal Censis, che negli ultimi anni è stata tra le pochissime voci che ha levato forti critiche contro le campagne mediatiche e politiche ai danni delle istituzioni provinciali, conferma la necessità di un ente di governo di area vasta nel sistema istituzionale del Paese. E conferma anche la superficialità con cui il tema dell’abolizione delle Province è stato affrontato”.  Lo ha detto il Presidente della Provincia di Lucca, Stefano Baccelli, intervenendo oggi  come rappresentante della Presidenza Upi all’incontro promosso dal Censis “Il vuoto dell'assetto territoriale” nell’ambito delle iniziative  “Mese sociale – I vuoti che crescono” del Centro ricerche. “Oggi, con questa ricerca, si torna ad aprire un confronto serio e meticoloso che analizza il sistema sociale, economico e politico del Paese, a partire dai territori, valutando gli effetti che le riforme sulle Province potrebbero avere. E’ evidente – ha sottolineato Baccelli - che  la vera questione da affrontare, quando si avviano riforme di questa portata, non è tanto e solo come ‘smantellare’ l’esistente, quanto piuttosto quali modelli alternativi produrre, altrimenti si rischia di creare quel vuoto su cui oggi il Censis lancia l’allarme. E’ un monito importante, che deve essere considerato soprattutto dal Parlamento, impegnato in una riforma costituzionale che, nell’ultima stesura, cancella completamente l’area vasta. Ma la dimensione territoriale provinciale – ha sottolineato il Presidente - rimane centrale nel Paese, perché il Paese, come emerge anche in questa ricerca Censis, è organizzato e si articola su area vasta:   popolazione, imprese e servizi, sistemi economici e lavorativi si muovo all’interno dell’area provincia. Se dunque si vuole evitare di produrre quel “vuoto dell’assetto territoriale” che oggi la ricerca Censis porta all’attenzione, è necessario che prima di tutto i Sindaci, che possono diventare i protagonisti della governance del territorio, guardino alle nuove Province come ad una opportunità e ad un valore aggiunto,  sfruttando a pieno le potenzialità di questi enti, in grado di mettere a rete servizi e politiche territoriali. Mi auguro – ha concluso Baccelli – che una volta "uccise" le Province come istituzioni, si salvino le province come territori, aree essenziali nel sistema economico e politico italiano per continuare a garantire lo sviluppo territoriale e i servizi essenziali a tutti i cittadini, non solo nei grandi Comuni ma anche nelle piccole comunità”.


(02-07-2014)

Barbara Perluigi
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione