Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Scuola Formazione Lavoro
| Condividi:

Scuola, ancora fermi i provvedimenti per aprire i cantieri di scuolesicure

Pastacci “L’anno riapre con un sola certezza: nessuna risorsa dallo Stato”

“L’anno scolastico riapre, e l’unica certezza che abbiamo è che ancora una volta dallo Stato per le scuole non arriveranno fondi per investire. Non solo,  nonostante l’allarme che abbiamo lanciato lo scorso anno, i nuovi tagli ai bilanci imposti con la spending review impediscono alle Province di intervenire con risorse proprie, come hanno fatto negli ultimi dieci anni”. Lo sottolinea il Presidente dell’Upi, Alessandro Pastacci ricordando come “da tempo come Upi abbiamo spiegato, dati alla mano, che continuare a togliere risorse ai nostri bilanci significasse ridurre i diritti dei cittadini in termini di servizi. Per riuscire a coprire i costi della gestione di oltre 5.000 edifici scolastici, molte Province hanno dovuto adottare la scelta di riorganizzare l’orario settimanale delle lezioni, chiudendo le scuole il sabato per risparmiare le spese della corrente e del riscaldamento. Sul fronte degli investimenti in edilizia avevamo molte aspettative nel piano del Governo. Purtroppo invece abbiamo dovuto constatare che il programma #scuolebelle non prevede investimenti, ma solo l’utilizzo di eventuali lavoratori in esubero di imprese di pulizia per piccole opere di decoro. Interessa, quindi, solo le scuole in cui sono presenti LSU in organico nelle imprese delle pulizie. Nel programma #scuolenuove,  ci è stato impedito di presentare progetti, avendo deciso il Governo di escludere da questa opportunità le scuole superiori. Il programma #scuolesicure, su cui avevamo fatto grande affidamento, perché è l’unico che prevede lo stanziamento di fondi di per investimenti in sicurezza, è invece bloccato dalle procedure burocratiche alla Corte dei Conti, in barba allo Sblocca Italia. Anche se si riuscisse a liberare queste risorse entro l’anno, si potranno realizzare investimenti utili solo a partire dal prossimo anno scolastico. Come Province – conclude Pastacci – abbiamo scelto di individuare nella sicurezza delle scuole e delle strade la massima priorità e per questo cercheremo di far confluire tutte le risorse utili su questi servizi. Ma certo se si continua nella strada dei tagli e del blocco del patto di stabilità per le Province , assicurare dignità alla scuola italiana sarà sempre più difficile”.

 


(16-09-2014)
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione