Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Finanza e fiscalità locale
| Condividi:

Legge di stabilità ed effetti dei tagli a servizi: la Provincia di Treviso approva Odg

Richiesti interventi immediati alla Regione Veneto

Votato in Consiglio Provinciale a Treviso un ordine del giorno condiviso da tutte le parti politiche in merito alla Legge Delrio e alla Legge di Stabilità per il riordino delle Province. L'Ordine del Giorno tratta la tematica degli effetti dei tagli sui servizi erogati dalla Provincia di Treviso e sul personale dipendente.

 

Nell'Ordine del Giorno, il Consiglio Provinciale:

-        Esprime piena vicinanza e solidarietà a tutti i dipendenti della Provincia e alle loro famiglie stante la situazione di incertezza per il loro futuro e per l’esercizio delle rispettive professionalità legate all’attuazione della legge di riordino delle funzioni oggi svolte dalla Provincia.

-        Chiede al Governo e al Parlamento l’approvazione, con carattere di urgenza, di una norma transitoria, di carattere finanziario, che consenta a Province e Città Metropolitane di sostenere la spesa per il personale soprannumerario fino all’effettiva ricollocazione.

-        Chiede al Governo e al Parlamento che dall’ammontare della riduzione della spesa corrente prevista per ciascun ente, (un miliardo per il 2015), venga detratta la spesa per il personale soprannumerario, con decorrenza 1 gennaio 2015,  fino alla effettiva ricollocazione

-        Chiede inoltre che la determinazione della dotazione organica non sia disposta in modo indifferenziato per tutte le Province, ma tenga conto del personale assegnato, alla data di entrata in vigore della Legge 7 aprile 2014 n. 56, allo svolgimento delle funzioni fondamentali di cui all’art. 1, comma 85 e comma 88, della stessa Legge nonché alle funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo, come risultante dalla mappatura effettuata in conformità a quanto previsto dal DPCM 26 settembre 2014 e validata dagli osservatori regionali

-        Chiede norme certe che non penalizzino i dipendenti e collaboratori a tempo determinato delle Province

-        Auspica una tempestiva definizione dei decreti attuativi della Legge 10 dicembre 2014 n. 183, sulla riforma del mercato del lavoro, che diano indicazioni certe sul futuro dei servizi per l’impiego

-        Chiede alla Regione Veneto che si proceda tempestivamente alla definizione del riordino delle funzioni non fondamentali, con il relativo finanziamento;

-        Chiede infine alla Regione Veneto interventi immediati affinché non si determini l’interruzione di servizi essenziali alla persona, quali l’assistenza scolastica ai disabili sensoriali o il trasporto scolastico dei disabili, oppure di servizi che interessano centinaia di famiglie come la formazione professionale.


(23-12-2014)
Ufficio stampa Provincia Treviso
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione