Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Scuola Formazione Lavoro
| Condividi:

Provincia di Reggio Emilia: tornano i “Tutor” per gli studenti disabili

foto Il Presidente Manghi: "Nuova opportunità per i ragazzi a sostegno dell'integrazione"

Si apre un nuovo percorso per la realizzazione nelle scuole superiori reggiane del progetto Tutor, importante sostegno a favore degli studenti disabili certificati o con disturbi specifici di apprendimento (Dsa) che la Provincia di Reggio Emilia era stata purtroppo costretta a sospendere a causa dei pesanti tagli subiti. Le modalità del ‘nuovo’ progetto Tutor – che è stato possibile attivare grazie a una convenzione con e l'Università degli studi di Modena e Reggio Emilia – sono state illustrate questa mattina dal presidente e dalla vicepresidente della Provincia di Reggio Emilia,  Giammaria Manghi e Ilenia Malavasi insieme al preside del Dipartimento di Educazione e Scienze Umane dell'Università di Modena e Reggio Emilia Giorgio Zanetti, alla presenza dei dirigenti scolastici tra cui il referente della rete dei dirigenti delle scuole secondarie di secondo grado Maurizio Bocedi.

Viene dunque offerta una nuova opportunità di tutoraggio per i ragazzi disabili o certificati Dsa non solo attraverso i tirocini del Dipartimento di Educazione e Scienze umane di Unimore che prevedono fino a 360 ore di stage a partire dall'inizio del terzo anno del corso di laurea, ma anche tramite il riconoscimento successivo di crediti formativi (1 ogni 30 ore) per l'esperienza svolta direttamente tramite una scuola o una associazione di volontariato.

“Si tratta di un atto rilevante che conferma una importante azione di sostegno a favore dell’integrazione che, purtroppo, la Provincia era stata costretta a sospendere a inizio d’anno scolastico per mancanza di risorse economiche a causa dei tagli che il nostro ente ha subìto e continua a subire  -  ha detto il presidente Giammaria Manghi sottolineando  - Fortunatamente, grazie all’impegno della vicepresidente Malavasi e alla disponibilità del Dipartimento di Educazione, siamo riuscito a risolvere una situazione veramente paradossale perché, nonostante una chiara volontà politico-istituzionale di proseguire una felice azione legata all’integrazione avviata da oltre dieci anni, eravamo impossibilitati a farlo. Ci siamo riusciti ricorrendo a un nuovo modo di fare amministrazione, perché in questa situazione di crisi e di risorse che vengono meno è indispensabile  trovare strade diverse per non perdere l’anima, per non disperdere il grande patrimonio di servizi alle persone, a partire dai più deboli, che questa provincia ha realizzato nel corso di decenni – ha concluso il presidente della Provincia, ricordando anche il recente accordo sull’inserimento lavorativo delle persone diversamente abili -  E lo abbiamo fatto rinnovando una proficua collaborazione con la massima espressione del nostro sistema educativo, l’Università”.

“Una Università – ha aggiunto la vicepresidente Ilenia Malavasi – che si è dimostrata attenta e disponibile per proseguire un progetto, che abbiamo avviato nel 2004 insieme a tutte le scuole superiori a favore dei ragazzi disabili e che dal 2011 abbiamo ampliato a quelli con disturbi specifici di apprendimento, che potrà compiere un ulteriore passo in avanti grazie al supporto  di studenti universitari preparati e adeguati”.

Anche il preside del Dipartimento di Educazione e Scienze Umane dell'Università di Modena e Reggio Emilia Giorgio Zanetti ha definito “veramente rilevante questa sinergia a tre che si è venuta a creare ed alla quale l’Università tiene molto per ragioni persino di ricerca, oltre che di didattica: per i nostri studenti tornare a scuola dalla parte dello staff che presiede all’educazione, seguendo casi difficili e a volte anche dolorosi, rappresenta una grande opportunità che li farà crescere sul piano dell’esperienza e garantirà al Dipartimento una preziosa serie di relazioni col mondo della scuola”.
La soddisfazione degli istituti superiori è stata espressa dal referente della rete dei dirigenti delle scuole secondarie di secondo grado Maurizio Bocedi: “I tutor, in tutti questi anni, hanno rappresentato figure fondamentali per facilitare i ragazzi disabili o con disturbi di apprendimento: è fondamentale proseguire con questo progetto in crescita progressiva negli anni, che ora darà anche la possibilità ai futuri insegnanti di toccare con mano una realtà scolastica che, dal punto di vista degli studenti, è in continua evoluzione”.

 

Come funziona il ‘nuovo’ Progetto Tutor

Sulla base di una Convenzione quadro di Tirocinio di formazione ed orientamento tra la Provincia di Reggio Emilia e l'Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, la vicepresidente della Provincia con delega all'Istruzione, Ilenia Malavasi,  ha preso nei giorni scorsi contatti con il Dipartimento di Educazione e Scienze umane per una proposta di tirocino che preveda la possibilità per gli studenti che frequentano il corso di laurea in Scienze dell'educazione di svolgere il tirocinio come tutor in una scuola secondaria di secondo grado della nostra Provincia. Il tirocinio riguarderà gli studenti universitari – circa 200 - che abbiano concluso il secondo anno e riconoscerà 1 credito formativo ogni 30 ore svolte.

L'obiettivo del progetto è quello di “lavorare su una sfera delicata“, complessa ma fondamentale per la crescita dell’individuo: quella della comunicazione e dell’integrazione con le diverse situazioni progressivamente affrontate, in particolare con “il gruppo dei pari“. Al tirocinante che si candida come tutor sarà richiesta una forte carica relazionale ed educativa, in quanto deve essere in grado di prendersi cura dell'alunno disabile o certificato Dsa, per aiutarlo a crescere sul piano sociale e personale; avrà il compito di facilitare l’apprendimento dello studente disabile nella classe, nelle attività di laboratorio, nei compiti di casa e favorire l’integrazione sociale e scolastica nel gruppo dei ragazzi sia a scuola, sia in altri contesti extrascolastici. Tramite interventi educativi di sostegno e di accompagnamento il progetto agisce in termini di prevenzione della dispersione scolastica e contribuisce a limitare i fenomeni di disagio.

La Provincia di Reggio Emilia, che in questi anni ha promosso la realizzazione del progetto Tutor, manterrà un ruolo di coordinamento del progetto, facendo da raccordo tra il Dipartimento di Educazione e Scienze umane  e le scuole superiori che gestiscono il progetto, individuando un insegnante referente, selezionando il tutor con le competenze più adatte al caso da seguire, condividendo il Piano Educativo Individualizzato (Pei) dello studente diversamente disabile.

Il Servizio di programmazione scolastica, educativa ed interventi per la sicurezza sociale della Provincia ed il Dipartimento di Educazione e Scienze umane dell'Università di Modena e Reggio Emilia hanno quindi messo a punto una convenzione ad hoc, basata sul progetto Tutor, per il Tirocinio di formazione ed orientamento, firmata questa mattina dal presidente Manghi, dal preside Zanetti e dai dirigenti di tutte le scuole secondarie di secondo grado.

 

 

(26-03-2015)

Ufficio stampa Provincia Reggio Emilia
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione