Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | Multimedia | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Finanza e fiscalità locale
| Condividi:

La Provincia di Perugia "presenta il conto" al Governo

foto Il Presidente Mismetti chiede il rimborso di tutte le spese per le funzioni non fondamentali

Come anticipato negli scorsi giorni, la Provincia di Perugia ha provveduto a sollecitare il rimborso da parte del Governo di tutte le spese inerenti a servizi e funzioni non più di competenza dell’Ente di Area Vasta, ma che lo stesso è costretto a svolgere (con ingenti spese a carico del proprio bilancio) in questa fase transitoria. Nelle more del trasferimento delle funzioni, infatti, la Provincia di Perugia continua a dover gestire tutte le materie ormai di competenza degli altri Enti, facendosi carico di tutte le spese afferenti ai relativi servizi con il proprio bilancio ormai dimezzato. “Una situazione assurda e insostenibile – sostiene il presidente Nando Mismetti - che, come già ampiamente comunicato, mette l’Ente nell’impossibilità di approvare il bilancio di previsione 2015 e di garantire i servizi ai cittadini”. Per questo Mismetti si è rivolto direttamente al Governo per chiedere formalmente il rimborso dei costi sostenuti per le funzioni concernenti i Centri per l’impiego, la viabilità regionale e la Polizia provinciale. In particolare al Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali si è ufficialmente chiesto il rimborso delle spese sostenute nel primo semestre del 2015 concernenti la funzione relativa ai Centri per l’impiego per un ammontare di € 1.813.186,54 (la previsione su base annua ammonta a € 3.626.373,08); al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti si è ufficialmente chiesto il rimborso delle spese sostenute nel primo semestre del 2015 concernenti la funzione relativa alla viabilità regionale per un ammontare di € 2.414.362,21 (la previsione su base annua ammonta a € 4.828.724,42); al Ministero dell’Interno e al Dipartimento per la Funzione Pubblica si è ufficialmente chiesto il rimborso delle spese sostenute nel primo semestre del 2015 concernenti il corpo di polizia provinciale per un ammontare di € 2.484.798,81 (la previsione su base annua ammonta a € 4.866.150,76). Complessivamente, quindi, i costi che sono stati sostenuti in questo primo semestre dalla Provincia per  funzioni di competenza dello Stato e/o di altri Enti ammontano a € 6.712.347,56. Se la fase transitoria dovesse prolungarsi per l’intero anno 2015 le somme da dover rimborsare salirebbero ad € 13.321.248,26. Si tratta di richieste relative a risorse vitali per l’Ente di Area Vasta, senza le quali la Provincia non sarà in grado di approvare il proprio bilancio e, soprattutto, di garantire i servizi ai cittadini. “Ma si tratta anche di richieste assolutamente legittime e di buon senso – conclude Mismetti -: se la Provincia, in questa fase transitoria, deve operare per conto dello Stato è giusto che si veda riconosciuto perlomeno il corrispettivo dei servizi erogati”
(16-07-2015)

Ufficio stampa Provincia Perugia
CERCA



UPI Social Network


Dowload Documentazione