Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Scuola Edilizia Formazione Lavoro

Centri per impiego Province: al via confronto con il Ministero del Lavoro

foto Upi “Personale e risorse nodi chiave da risolvere”

Stabilizzazione dei precari, valorizzazione e qualificazione del personale, risorse per coprire le spese sostenute dalle Province e dalle Città metropolitane dal 2015 ad oggi nonostante questi uffici non siano più tra le funzioni loro attribuite e per rilanciare e valorizzare questo servizio essenziale.

Questi i nodi sollevati dai rappresentanti dell’Upi, Nicola Valluzzi Presidente della Provincia di Potenza e Carlo Riva Vercellotti, Presidente della Provincia di Vercelli, alla riunione sui Centri per l’impiego che si è tenuta stamattina al Ministero del Lavoro.

“In questi tre anni – ha detto al Ministro Giuliano Poletti il Presidente Valluzzi – le Province e le Città metropolitane  hanno anticipato gli stipendi dei 5000 dipendenti dei 550 Centri per l’impiego e hanno garantito gli stipendi ai circa 1000 precari che vi lavorano, oltre ad avere pagato tutte le spese per il funzionamento degli uffici. Un accordo con il Governo e le Regioni assicurava che almeno il pagamento del personale assunto ci sarebbe stato restituito, ma ad oggi molte Province e Città metropolitane non hanno ancora ricevuto nulla. Ciononostante, per senso di responsabilità, abbiamo mantenuto aperti questi servizi, che consideriamo veri e propri presidi sociali sul territorio, anche grazie al lavoro del personale che ha mostrato grande senso di professionalità, nonostante lo stato di precarietà in cui si trova.

“Apprezziamo – ha aggiunto Valluzzi – la volontà espressa dal Ministro Poletti di aprire tavoli di lavoro su questo temi, perché siamo convinti che, nel pieno della crisi occupazionale che stiamo attraversando, i Centri per l’Impiego possano diventare un punto di riferimento per i cittadini e un servizio essenziale da rilanciare e valorizzare.

Crediamo però che tra le prime cose da decidere – ha concluso Valluzzi– ci sia la scelta del modello da adottare: un modello che deve essere certo ed omogeneo, così da offrire gli stessi servizi in tutto il Paese”.


(21-03-2017)
Barbara Perluigi

Documenti
CERCA


AGENDA
ASSEMBLEA DEI PRESIDENTI DI PROVINCIA
mer 27 giu 2018 15.30
Provincia di Bergamo, Via Tasso 8, Bergamo
PER L’APPROVAZIONE DI UNA PROPOSTA DI RIFORMA SULLE PROVINCE
CONVEGNO: RAFFORZARE LE AUTONOMIE TERRITORIALI
gio 28 giu 2018 9,30
Centro Congressi Viale Papa Giovanni XXIII, 106, Bergamo
LA RIFORMA DELLE PROVINCE NELLA PROSPETTIVA DEL REGIONALISMO DIFFERENZIATO

UPI Social Network


Dowload Documentazione